Venezia, 18 giugno: Nicolò Bassetti a VISUALSCAPES – Pratiche visuali di ricerca urbana

16 giugno 2014 at 12:00

Mercoledì 18 giugno
Università IUAV di Venezia
ore 9.30-18

Nicolò Bassetti partecipa  a:
VISUALSCAPES

Pratiche visuali di ricerca urbana
Sessione coordinata da Paolo Barberi, Adriano Cancellieri e Giuseppe Scandurra
keynote speaker: Leonie Sandercock:  Expanding the language of planning: film as a fuse that’s lit

 

10262164_280101155502771_8706410115964335955_n

La diffusione del testo elettronico e l’utilizzo di molteplici strumenti ad esso connessi hanno notevolmente modificato l’approccio metodologico delle scienze sociali favorendo la diffusione di una serie di linguaggi non testuali che vanno ad integrarsi alla scrittura nella restituzione della ricerca. In questa direzione l’audiovisivo ha trovato nuova linfa e applicazioni che lo vedono impiegato non solo nel videomaking di carattere antropologico puro e semplice ma, nel digital storytelling, nei documentari web, nelle mappe sonore, e più in generale all’interno delle pratiche sperimentali di ricerca.
In particolare l’utilizzo del video nelle sue molteplici applicazioni ha trovato particolare favore negli studi urbani. Gli strumenti comunemente utilizzati troppo spesso mostrano i loro limiti nel rappresentare le città contemporanee. Ciò, da una parte, ha spinto i ricercatori e le ricercatrici a lavorare sempre più utilizzando chiavi di lettura transdisciplinari con importanti ripercussioni negli studi urbani; dall’altra ha favorito la sperimentazione di tecnologie audiovisive che sembrano particolarmente adatte a cogliere la complessità sensoriale dell’esperienza urbana.
Questa sessione vuole focalizzare la propria attenzione su quelle pratiche o esperienze di ricerca che privilegiano linguaggi non testuali e che affiancano alle pratiche di ricerca più consolidate, linguaggi visuali sperimentali. Le principali domande alle quali si vuole rispondere sono:
– Che cosa ci possono offrire di più l’audiovisivo, il digital storytelling, le mappature sonore nella ricerca urbana?
– Quali sono i principali punti di forza e di debolezza nell’analisi dei contesti urbani? Quali nel processo di rappresentazione/comunicazione?
– Quali sono le potenziali conseguenze per quanto riguarda le metodologie della ricerca e le relazioni con i soggetti di studio?

http://tracceurbane.it/

 

Tags