Neapolis Rock Festival

Recupero di un’area industriale attraverso un festival musicale

Neapolis Rock Festival è il primo esempio in Italia di evento musicale che unisce la potenzialità aggregativa di un happening giovanile al recupero ambientale di un’area industriale suggestiva, e allo stesso tempo critica, come l’Italsider a Bagnoli.

L’idea del Neapolis Rock Festival nasce nel ’95 e diventa realtà nel ’97, con la collaborazione del Comune di Napoli, della “Bagnoli S.p.A.” (società dell’IRI preposta alla dismissione dell’acciaieria Italsider), e grazie alla partecipazione determinante di sponsor privati.

Le idee forti sono due:

  1. Intendere da subito il Neapolis come una vera attività produttiva. Dà lavoro, ha un suo indotto, ha degli obiettivi.
  2. Accendere un potente riflettore sul futuro di una delle più grandi aree industriali dismesse del nostro Paese, situata in un luogo bellissimo e con grandi aspirazioni turistiche.

Un grande evento musicale reinterpreta per quattro anni un luogo carico di storia. Il festival scopre opportunità, propone soluzioni future e contribuisce a consolidare il nuovo indirizzo di sviluppo dell’area, compatibile con la volontà dell’amministrazione comunale di realizzare un “insediamento a bassa densità (…) in cui gli spazi aperti, attrezzati e non, prevalgano nettamente su quelli coperti da costruzioni”.

Uno degli obiettivi raggiunti:
il Piano Urbanistico Esecutivo di Coroglio-Bagnoli riconosce ufficialmente il ruolo svolto dal Festival indicando, nelle aree destinate al futuro Parco di Coroglio e in particolare nella struttura dell’altoforno, ”la nascita di un luogo spontaneo (a fronte di tanti non-luoghi imposti e subiti), catalizzatore di servizi, attività, conoscenze orientati alla produzione culturale di qualità come occasione per l’insediamento di nuovi interessi e attività produttive”.

 

LEGGI IL CASO STUDIO

 

progetto

Festival musicale in un’area industriale dismessa

committente

Comune di Napoli

anno

1997-1998-1999-2000

Aree Progettuali

Comunicazione del territorio
Riqualificazione urbana